Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa

Museo degli Strumenti per il Calcolo

VIA BONANNO PISANO 2/B, PISA (AREA DEI VECCHI MACELLI)

http://www.fondazionegalileogalilei.it/

Orario apertura al pubblico:

ORARIO INVERNALE (dal 1° ottobre al 31 maggio)
Lunedì: 9,00 -13,00
Da martedì a venerdì: 9,00 - 17,00
Chiuso sabato e domenica

ORARIO ESTIVO (dall’1 giugno al 30 settembre)
Da lunedì a venerdì: 10,00 – 17,00

Chiuso sabato e domenica

La biglietteria chiude 15 minuti prima della chiusura
Informazioni: 050 2215212

GIORNI DI CHIUSURA
1° gennaio (Capodanno); 6 gennaio (Epifania); 1° maggio (Festa dei lavoratori); 15 agosto (Ferragosto); 25 dicembre (Natale).
Il 24 e il 31 dicembre chiusura alle ore 13.00.

TARIFFE

2,50 euro, ingresso al Museo
4,00 euro, Visita guidata, a persona
5,00 euro, Laboratorio, a persona
7,00 euro, Laboratorio + Visita guidata 
9,50 euro, Lezioni al Museo, a persona
Visite guidate, Laboratori e Lezioni sono gratuiti
per gli accompagnatori di gruppi scolastici.

Prenotazioni e informazioni

Per prenotazioni e informazioni contattare i Servizi Educativi del Sistema Museale di Ateneo

 

 

05-BrunsvigaB-A-rit-2

Il Museo degli Strumenti per il Calcolo conserva un patrimonio che ricopre un arco di tempo che va dal XVIII secolo ai giorni nostri.
Due le collezioni principali: quella degli strumenti scientifici storici e quella delle macchine legate alla storia dell’informatica.
La prima comprende strumenti scientifici di fisica e astronomia del XVIII, XIX e prima metà del XX secolo, che includono il Fondo Pacinotti, con invenzioni dello scienziato pisano, tra cui la celebre macchinetta. Completano le collezioni museali importanti archivi, quali quello dello stesso Pacinotti, l’Archivio Fermi-Persico e l’Archivio Riccardo Felici.
La collezione informatica, unica in Italia e notevole a livello internazionale, spazia dagli aritmometri dell’800, ai grandi calcolatori degli anni 50-90 e comprende pezzi unici, come la Calcolatrice Elettronica Pisana (1961), intorno alla quale si formò la prima scuola italiana di informatica, nonché le repliche dell’addizionatore e i simulatori della Macchina Ridotta (1957), in assoluto il primo calcolatore progettato e costruito in Italia, a Pisa.